Efficientamento energetico impianti sportivi

L’Istituto per il Credito Sportivo concede 15 milioni di euro di mutui per interventi di efficientamento energetico. Genea Consorzio, essendo organico di Federesco, è convenzionata ICS e supporta gli enti locali e le Regioni per la progettazione e l’esecuzione delle opere.

L’iniziativa ‘Sport Verde Comune’ consente a Enti Locali e Regioni di richiedere finanziamenti a tasso fisso per investimenti nell’efficienza energetica di impianti sportivi già esistenti.

L’ICS mette a disposizione fino a 15 milioni di euro per il totale abbattimento degli interessi e il totale azzeramento delle spese di istruttoria. Ad ogni progetto è offerto un mutuo a tasso fisso fino all’importo di 500.000 euro con durata massima dell’ammortamento a 20 anni. La domanda va inoltrata all’indirizzo mail: istruttoriapubblici@legalmail.it e non sono previste scadenze temporali.

Impianti sportivi, le spese di efficientamento ammissibili

ICS finanzia:
– risparmio energetico certificato (efficientamento delle bollette e dei consumi certificati),
– produzione di energia termica a maggiore efficienza,
– realizzazione di interventi che prevedano l’utilizzo delle fonti rinnovabili,
– produzione di energia attraverso sistemi ecocompatibili (fotovoltaico, cogenerazione etc),
– la realizzazione di manti in erba sintetica ad intaso vegetale al 100%.

Per accedere al finanziamento è necessaria la certificazione da parte di un soggetto riconosciuto da ACCREDIA del risparmio energetico effettivamente conseguito.

 

Vuoi ottenere il bonus compila il modulo

Conoscere Geologia – “Piano Colao, intervista al Dr. Angelo Grimaldi, Presidente Genea”

Con l’uscita delle “Iniziative per il rilancio Italia 2020-2022”, meglio conosciute come ”Piano Colao”, abbiamo voluto ascoltare il parere delle imprese intervistando il Dr. Angelo Grimaldi, Presidente Genea.

Grimaldi: ”… sarà la ripartenza green.”

Abbiamo avuto il piacere e l’onore di intervistare il dr. Angelo Grimaldi, anche presidente della UNACO – Unione Nazionale Costruttori,  una nuova associazione la quale nasce con lo scopo di ridurre le distanze tra il management, gli associati e le istituzioni, con lo scopo dichiarato di voler modificare l’approccio della rappresentanza datoriale, non più autoreferenziale, non più demagogia, ma con azioni concrete, per affermare con autorevolezza le istanze e le esigenze del mondo delle costruzioni e del grandissimo indotto che è di vitale per l’intero Paese.

Tra i servizi offerti dalla UNACO si annoverano:

  • Formazione Professionale Ex legge n° 81/2008 “Sicurezza negli ambienti di lavoro”;
  • Consulenza gratuita Privacy GDPR 679/2016 (Regolamento generale per la protezione dei dati);
  • Politiche Attive del Lavoro: Garanzia Giovani dai 19-29 anni, Apprendistato;
  • Fondi Interprofessionali;
  • Ente Bilaterale: conciliazioni gratuite sulle controversie in materia di lavoro;
  • Attività volte alla sostenibilità: fotovoltaico ed energie rinnovabili.

Il dr. Angelo Grimaldi è inoltre Amministratore di GENEA CONSORZIO STABILE incentrato sostanzialmente sul risparmio energetico ed all’utilizzo di nuove tecnologie affini all’energia, alle specializzazioni in lavori con tecniche alpinistiche ed a impianti tecnologici ad alta efficienza energetica.

Infine, ma non ultimo, il dr. Grimaldi è Amministratore della Cardine s.r.l. che si occupa anch’essa di un tema ambientale: Edilizia acrobatica e messa in sicurezza di pendii rocciosi.

Angelo Grimaldi, Presidente UNACO

Questa la nostra intervista:

1. Dr. Grimaldi, Lei avrà certamente letto con interesse il testo del Piano Colao, di recente pubblicato, per risollevare l’economia e la produttività del nostro Paese; alla luce dei sei punti posti in essere quale crede che per la Sua attività imprenditoriale, volta soprattutto alla tutela ambientale, possa essere suscettibile di attenzione e sviluppo?

”Grazie innanzitutto per la domanda che mi permette di parlare del nostro grande interesse per la tenuta del tessuto socio economico del nostro grande Paese.”

”Infatti gli argomenti e le proposte presentate dal Piano Colao sembrano essere la sintesi delle esigenze raccolte per tutte le categorie sociali o comunque di quelle più rappresentative; quindi ci fa piacere, sia come azienda che come rappresentante di una associazione nazionale di categoria, che almeno una task force nominata dal Governo in carica, abbia messo nero su bianco e soprattutto in un unico documento, quanto lo stesso Paese chiede, dando spunti per le soluzioni.”

”Per quanto riguarda invece la possibile attuazione delle linee guida del Piano, – continua Grimaldi – l’auspicio è quello di vederne applicate almeno una parte, poiché significherebbe aver risolto molti problemi del nostro Paese benché, mi permetta, abbia dei forti dubbi in merito.”

”Lei d’altra parte, è a conoscenza, per le iniziative da noi promosse nel tempo e per i numerosi colloqui informali che abbiamo avuto, che le aziende le quali fanno capo al ns. gruppo rivolgono grandissima attenzione alla salvaguardia dell’ambiente ed alle attività ad esso collegate.”

2. Volendo esaminare i 6 macro obiettivi del Piano, considerando la Sue attività da imprenditore nel campo della geomorfologia, come pensa il tema 1 affrontato dal Piano possa giovare alla sicurezza antropica, sociale e, perché no, economica?

”Riguardo il tema 1, “IMPRESE E LAVORO”, mi sento di essere d’accordo, ad esempio, sull’esclusione della responsabilità penale del datore di lavoro in caso di contagio da Covid sui luoghi di lavoro escludendo naturalmente gli ambiti sanitari; infatti siamo usciti con articoli pubblici avverso le prime circolari INAIL sin dalla loro pubblicazione”.

”Crediamo infatti, – sostiene Il Dr. Grimaldi – che dato il momento di stress per tutti, l’INAIL abbia preso una clamorosa svista.”

”Ritengo altresì che quelle indicate nel Punto 1 del Piano Colao siano proposte da accettare, per far sì che si portino a compimento il pagamento immediato dei fornitori della P.A. ed il sostegno alle start up innovative, più e meglio di quanto si fa attualmente.”

3. Per quanto riguarda invece il tema 2, più strettamente ingegneristico ed ambientale, crede che le proposte formulate in esso siano congruenti con l’attuale situazione di dissesto cronico (in senso geologico) in cui versa l’Italia?

”Il tema 2 riguarda “INFRASTRUTTURE E AMBIENTE”. Secondo me questi sono punti molto importanti che ci riguardano da vicino.”

”E’ argomento delicatissimo, perché sancisce ancora una volta, ove mai ve ne fosse bisogno, che la madre di tutte le battaglie è la SBUROCRATIZZAZIONE.”

”Infatti indica la semplificazione del codice dei contratti pubblici e a questo proposito io ne propongo l’abrogazione che si fa prima, adeguandoci al codice europeo e però svolgendo i necessari controlli.”

”Funzionerebbe tutto e meglio, anche con l’adeguamento delle infrastrutture telematiche: non è possibile – sostiene il Presidente Grimaldi – che un Paese come il nostro non sia cablato ancora con una rete ad alta velocità.”

”Per il settore energetico, a noi molto caro, bene hanno fatto a sottolineare di dare impulso alla cosiddetta transizione energetica… che avvenga però in tempi certi, per quanto riguarda autorizzazioni e con regole chiare, soprattutto non retroattive. Ne va della fiducia nello Stato per gli investitori che solo in questo caso sarebbero incentivate ad investire; non parlo solo degli stranieri, ma anche di tante aziende italiane che, essendo sfiduciate dal nostro sistema, non hanno interesse a mettere risorse nei nostri territori.”

”Con lo sviluppo di politiche efficienza energetica, noi di GENEA CONSORZIO STABILE possiamo essere attori molto attivi di questo processo, essendo società di servizi energetici, ad esempio veicolando ed acquisendo i bonus energetici, derivanti dai lavori di efficienza energetica nei condomini e non solo, ma sul patrimonio edilizio in genere.”

”Altro argomento interessante sul quale mi sento di essere d’accordo e quindi di condividere l’indirizzo del “Piano Colao”, – continua il Presidente Grimaldi è l’economia circolare ed il riuso e riutilizzo delle materie prime e seconde.”

”Per quanto riguarda il DISSESTO IDROGEOLOGICO, sembra che nel Piano Colao sia ricompreso quanto, sia noi che gli Ordini Professionali tecnici di categoria, in particolar modo l’Ordine dei Geologi, abbiamo suggerito più volte di mettere in campo: incentivare azioni specifiche atte al monitoraggio del territorio, al finanziamento di opere di contenimento del dissesto, con una maggiore attenzione al consumo di suolo e l’utilizzo consapevole di quanto ancora resta disponibile.”

”Vorrei fare cenno ad un altro capitolo che mi ha molto colpito e mi compiaccio che si sia affrontato, cioè quello della “BUROCRAZIA DIFENSIVA” , cioè quanto viene purtroppo costantemente messo in campo dai funzionari della P.A. per difendersi dalle responsabilità derivanti dalla propria funzione: c’è chi sostiene che molti siano inadeguati a ricoprire le cariche, però nel frattempo gli stessi funzionari si difendono dalla responsabilità per danno erariale, semplicemente bloccando tutto.”

”Questo problema si potrebbe risolvere, come proposto dal Piano Colao, vincolando la responsabilità agli obiettivi raggiunti, che comprendono naturalmente il superiore interesse della P.A.”

”Non per ultimo, destinare maggiore attenzione per l’Università e per la Ricerca Scientifica.”

4. Infine, ma non ultimo, crede che l’insieme delle proposte e delle tematiche affrontate nel Piano Colao possa davvero fare da volano a tutta la filiera imprenditoriale e produttiva del settore?

”Come accennavo prima, credo che se si dovessero prendere in considerazione solo parte delle proposte suggerite, il Paese ripartirebbe verso un nuovo boom economico.”

5. Quale suggerimento si sentirebbe di dare al legislatore per stimolare e accelerare maggiormente questa branca spesso trascurata della nostra Italia?

”Destinare maggiori risorse alla tutela del territorio, finanziando progetti per il contenimento del dissesto idrogeologico immediatamente cantierabili, quindi quanto più vicini all’esecutività possibile, coinvolgendo e retribuendo bene i tecnici coinvolti.”

”Altro punto importantissimo in questo momento è che l’Europa consenta all’Italia di indebitarsi al di sopra di quanto fino ad ora possibile, intendo prima della pandemia da Covid-19”.

”Quindi con questa opportunità – afferma Grimaldi – consiglio di far utilizzare senza paura per le risorse, il credito di imposta al 110% per l’efficienza energetica in ogni settore, potendo sicuramente contare su imposte almeno triplicate, nel periodo immediatamente successivo al primo, quindi in grado di ripagare ampiamente i debiti contratti con l’emissione di titoli di Stato e contemporaneamente far ripartire seriamente i consumi.”

”Se riparte l’edilizia e noi diciamo, in questo caso di altissima qualità, visto che consente un abbattimento delle emissioni climalteranti in atmosfera, questa sarà la ripartenza green – conclude Grimaldi – di un settore che in passato ha già fatto grande l’Italia.”

 

Ringraziamo il Dr. Grimaldi per l’intervista concessa alla nostra testata giornalistica augurandogli un grande in bocca al lupo per le Sue prossime iniziative e un buon lavoro per l’immediato ed il prossimo futuro.

Decreto Rilancio, Superbonus al 110% per interventi di efficientamento energetico

Il Decreto Rilancio ha stabilito un aumento dell’Ecobonus, con un’aliquota che raggiunge il 110% per interventi di efficientamento energetico sotto forma di detrazione per le spese documentate a carico di condomini o  contribuenti in qualità di persona fisica.

Genea Consorzio Stabile può seguirti sia durante la fase di progettazione delle opere, sia per il disbrigo delle pratiche burocratiche che per la cessione del credito, consentendoti di effettuare i miglioramenti energetici senza dover sostenere spese.

Ecco le attività che ora consente il decreto in attesa di conversione in legge, le spese dovranno essere sostenute dal 1 Luglio 2020 al 31 Dicembre 2021, e saranno validi:

  1. Interventi di isolamento termico su superfici opache verticali ed orizzontali ( es  cappotto termico, le facciate ventilate o gli appositi intonaci isolanti ) che interessano l’edificio ( condominio) con un’incidenza superiore al  25% della superficie lorda per un massimo di 60k€/unità abitativa
  2. Impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda a condensazione o a pompa di calore per un massimo di 30k€/unità abitativa
  3. Impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda a condensazione o a pompa di calore per un massimo di 30k€ da installarsi su unità unifamiliari.
  4. Sisma bonus purché gli edifici non siano ubicati in zona sismica 4

In presenza di uno degli interventi sopra elencati ( punti 1,2,3) la detrazione del 110% si applica anche a:

  • Interventi di efficienza energetica nei limiti di spesa a legislazione vigente per sostituzione superifici trasparenti ( infissi) , installazione schermature solari e pannelli solari ( produzione di acqua calda), installazione di caldaia a condensazione ad alta efficienza. ( interventi inseriti nell’art rticolo 14 del citato decreto-legge n. 63 del 2013, Modificato da: Legge del 27/12/2019 n. 160 Articolo 1)
  • Installazione di impianti fotovoltaici per un massimo di 2400€/kWp ( 1600€/kWp in caso di interventi di abbattimento/ricostruzione e s.m.i)
  • Installazione di unità di accumulo di energia elettrica ( anche post impianto fotovoltaico) per un max di 1000 €/kWh sempre a condizione di eseguire interventi di cui ai punti 1,2,3.

Gli interventi di cui ai punti 1,2,3 anche con l’ausilio degli interventi di efficienza energetica sulle superfici trasparenti o con l’installazione degli impianti fotovoltaici devono garantire il miglioramento di almeno 2 classi energetiche da dimostrare attraverso l’APE.

 

CESSIONE DEL CREDITO  ART.121

I contribuenti per le spese sostenute  negli anni 2020 e 2021 inerenti alle attività di :

  • Recupero patrimonio edilizio
  • Efficienza energetica
  • Misure antisismiche
  • Recupero/restauro facciate (anche solo pulitura e tinteggiatura)
  • Installazione impianti fotovoltaici

nei limiti di detraibilità per ognuno degli interventi a legislazione vigente possono optare  in luogo dell’utilizzo diretto della  detrazione per:

  • un contributo sotto forma di sconto per un importo  fino al massimo sul corrispettivo dovuto all’impresa che ha realizzato i lavori con la facoltà della stessa di recuperare tale credito di imposta cedendo lo stesso ad altri soggetti tra cui istituti di credito ed intermediari finanziari
  • la trasformazione della detrazione in credito di imposta con la possibilità del contribuente stesso di cederlo ad altri soggetti tra cui istituti di credito ed intermediari finanziari

Cronache – 12/05/2020 Rassegna Stampa

Genea Lanzara, Grimaldi: «La società è matura per affrontare la sfida della serie A2»

SALERNO – Con lo stop ufficiale della stagione agonistica 2019/2020 si è conclusa anzitempo la brillante annata sportiva della Genea Handball Lanzara, caratterizzata dalla prima posizione nel campionato interregionale di Serie B di pallamano e nei campionati giovanili Under 19 ed Under 17.

Il sodalizio salernitano, nel nuovo corso inaugurato nell’estate del 2019 è stato accompagnato dal title and main sponsor Genea. Con il Dott. Angelo Grimaldi, Presidente di Genea Consorzio Stabile, si è analizzato questo primo anno di proficua collaborazione con il team salernitano. “Perché fa piacere aiutare dei ragazzi in gamba come quelli che sono a capo della compagine sportiva, oltre ad aver visto nascere la Genea Handball Lanzara. Se poi, a questo, si aggiunge un gran bel progetto, la collaborazione è stata ancora più facile. Da sempre crediamo negli sport minori che avvicinano nei rapporti interpersonali i giovanissimi e li abituano alla competizione sana, oltre che ai sacrifici, che fatti seriamente pagano sempre, come nella vita “.

Al netto dello stop delle competizioni, è soddisfatto della collaborazione avviata col Lanzara?
“Siamo molto soddisfatti della collaborazione avviata con la Genea Handball Lanzara e speriamo di poter rinnovare la nostra vicinanza continuando ad essere main sponsor, per altri campionati. A questo proposito devo solo esprimere le mie più sincere congratulazioni innanzitutto ai ragazzi ed alle loro famiglie. Ma permettetemi un ringraziamento particolare alla organizzazione, alla dirigenza, al Presidente Domenico Sica ed agli allenatori Manojlovic e Attanasio, senza la loro competenza ed abnegazione non si andava da nessuna parte, sono riusciti ad ottenere il sentimento di squadra senza il quale non si forma il gruppo vincente”.

Nella prossima stagione , secondo i programmi societari, la Genea Lanzara formalizzerà l’iscrizione al campionato Nazionale di A2. “Con il nuovo anno e l’iscrizione al campionato di A2, sappiamo per esperienza precedente che occorre ancora maggiore impegno e concentrazione della serie B, ma sono convinto che nel gruppo ci sia la necessaria maturità e consapevolezza per affrontare la nuova sfida. Se questo si verificherà, non potrà che far intravedere e tradurre in opportunità anche per gli sponsor l’affiancamento al fine di avere visibilità sul territorio nazionale”.

La sostenibilità ambientale per dare energia alla ripartenza economica

Lo stato di emergenza causato dal COVID-19 e il lockdown dell’intero Paese ci ha mostrato gli enormi benefici, dal ripristino della biodiversità alla riduzione dell’inquinamento e ciò ha ampiamente dimostrato quello che Genea Consorzio Stabile sostiene con forza da anni.

L’Europa mira ad adoperarsi per essere il primo continente a impatto zero sul clima con il Green Deal, un’economia moderna, efficiente sotto il profilo delle risorse che tiene alla salvaguardia del pianeta.

«Da anni pungoliamo le istituzioni e i rappresentanti dei vari governi affichè mettano al centro degli interessi nazionali, l’efficienza energetica, le best practice e l’economia circolare» dichiara Angelo Grimaldi componente del consiglio direttivo di Federesco «Assieme al presidente Federesco Ferrari e agli altri componenti del Consiglio non abbiamo perso occasione per evidenziare il nostro pensiero, e anche adesso alla luce del Decreto di prossima emanazione vogliamo far sentire il nostro pensiero».

Proprio ieri a La Stampa il collega Antonio Vrenna, Vice Presidente di Federesco ha dichiarato che «per ripartire più forti di prima, attuando un vero sviluppo sostenibile, è doveroso che il Governo incentivi tutte le iniziative volte a raggiungere una maggiore efficienza energetica nelle case, nelle scuole e negli uffici».

Per conseguire questo obiettivi, anche a livello europeo, sarà necessaria l’azione di tutti i settori della nostra economia, tra cui:

  • investire in tecnologie rispettose dell’ambiente
  • sostenere l’industria nell’innovazione
  • introdurre forme di trasporto privato e pubblico più pulite, più economiche e più sane
  • decarbonizzare il settore energetico
  • garantire una maggiore efficienza energetica degli edifici
  • collaborare con i partner internazionali per migliorare gli standard ambientali mondiali.

Con queste premesse e attendendo il Decreto Rilancio, abbiamo buone speranze per gli incentivi che sicuramente attiveranno il mercato da questo punto di vista.

Fase 2: Ecobonus e Sismabonus fino al 120%

Il Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli ha annunciato la possibilità di portare l’Ecobonus e il Sismabonus al 110% o 120% nella fase 2, in questo modo si darà un’ accelerata a tutta l’attività edilizia.

Investire nell’edilizia sembra essere proprio la strada che il governo vuole perseguire per la ripartenza del Paese.

Il rafforzamento dell’ecobonus e del sismabonus dovrebbe entrare già nel pacchetto di misure del Dl che il governo sta preparando per sostenere il reddito e il lavoro messi a dura prova dall’emergenza epidemiologica da Covid-19. Misure che potrebbero vedere la luce già a metà settimana e che conterebbero anche provvedimenti per sostenere la crescita. Tra questi appunto dei super-bonus per l’edilizia.

«Stiamo ragionando per un significativo rafforzamento delle agevolazioni ecobonus e sismabonus, elevando le percentuali di detrazione e anche dando ai contribuenti la possibilità di fruire immediatamente del vantaggio fiscale attraverso lo sconto in fattura e la cessione del credito. È una delle misure che intendiamo realizzare per per sostenere la crescita e anche per indirizzare gli investimenti nella direzione della sostenibilità ambientale e della tutela del territorio e dell’aumento della resilienza al rischio sismico del Paese».

A dirlo è stato il 4 maggio il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri in un’audizione alla Camera nell’ambito dell’esame del decreto cosiddetto Liquidità.

Restiamo in attesa di prossimi sviluppi auspicando un rilancio dell’economia nel settore edilizio e del miglioramento della riqualificazione energetica.

22 Aprile Giornata Mondiale della Terra

In occasione della 50esima Giornata Mondiale della Terra personalità del mondo della cultura, della scienza e dell’ecologia firmano un appello per cambiare il nostro modo di vivere e sentire il Pianeta. Genea Consorzio, da sempre impegnata nella tutela ambientale e nella promozione delle energie sostenibili, condivide appieno il pensiero espresso oggi da Legambiente:

«Dobbiamo tenere alta l’attenzione sulla cura del nostro pianeta , anche in questo momento difficile.
Crediamo anche che rilanciare l’economia post #covid19 mettendo da parte le politiche di tutela ambientale sarebbe folle!
Siamo convinti invece che la ripresa di una vita e di una società migliore passi proprio per la cura dell’ambiente e dei beni comuni, anche per scongiurare il pericolo di una nuova crisi che rischia di colpire tutti noi: la #crisiclimatica.

Per questo lanciamo a tutti un appello: anche se non possiamo ancora tornare ad abbracciarci tra di noi, facciamo tutti un piccolo dal valore simbolico verso il #pianeta: condividiamo una foto in cui abbracciamo virtualmente la #Terra!»

Cronache – 07/04/2020 Rassegna Stampa

La Genea Handball Lanzara conclude la stagione al primo posto e prenota la serie A2

SALERNO – E’ stata ratificata ieri, in seguito al Consiglio Federale della FIGH, la conclusione definitiva di tutti i campionati della stagione 2019/2020 a causa dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19. La Genea Lanzara interrompe, di conseguenza, il suo cammino nei  campionati interregionali giovanili e di Serie B. I ragazzi allenati da Nikola Manojlovic chiudono, così, in prima posizione il campionato interregionale di Serie B con la possibilità di partecipare, nella prossima stagione agonistica, al campionato Nazionale di Serie A2 e chiudono al primo posto anche i campionati interregionali Under 19 ed Under 17. “Stiamo vivendo una situazione drammatica che mai nessuno avrebbe immaginato – dichiara Domenico Sica, presidente della Genea Lanzara – una pandemia mondiale che ha colpito principalmente il nostro paese. Dopo circa un mese di lontananza dal campo di gioco accogliamo a malincuore la notizia da parte della federazione della sospensione dei campionati. Decisione giusta e responsabile in un momento simile, anche se dispiace non aver concluso una stagione indimenticabile dove abbiamo ricominciato da zero, con un nuovo progetto tecnico, basata sul lavoro, sulla crescita dei più piccoli e sulla programmazione futura. Dispiace principalmente per i ragazzi che da settembre si sono allenati ininterrottamente ogni sera, disputando anche 4/5 partite settimanali e conquistando sul campo la prima posizione in tutti i campionati disputati”.

Genea Consorzio Stabile sospende le attività

La salute e il benessere sono estremamente importanti per tutti noi, pertanto, a tutela dei nostri collaboratori e delle proprie famiglie, abbiamo deciso di sospendere le attività.

Nel rispetto di quanto stabilito dal Ministero della Salute, ci siamo organizzati in modo da mantenere attivo il numero per le emergenze 334 670 2360 e a dare supporto a qualsiasi vostra richiesta o necessità.

Ci auguriamo di poter tornare tutti ad una vita personale e professionale normale e serena nel più breve tempo possibile.

Ultimi lavori: Impianto Fotovoltaico

Genea Consorzio Stabile si è occupata della progettazione e realizzazione di un Impianto Fotovoltaico di un centro commerciale. L’impianto fotovoltaico è costituito da 370 moduli  per una potenza pari a 123 kW.

Ecco alcune foto del lavoro da noi realizzato