Legambiente propone di riqualificare 30mila condomìni all’anno

Genea condivide l’analisi di Katiusha Eroe, responsabile Nazioanle per l’efficienza energetica di Legambiente, bisogna fare un salto di qualità e quantità degli interventi di riqualificazione energetica dei condomìni, per ridurre i consumi energetici, per riuscire davvero ad aiutare le famiglie a vivere meglio e spendere meno.

Sul territorio italiano la maggioranza degli edifici è stata costruito prima dell’entrata in vigore della normativa in materia di efficienza energetica; solo il 6% è in classe energetica A (la migliore) mentre il 39% è in classe G (la peggiore). Per migliorare la situazione attuale sarebbe necessario riqualificare almeno 30 mila edifici all’anno.

Questi alcuni dati emersi dal monitoraggio di Legambiente in Civico 5.0, la campagna nazionale di studio e informazione dell’associazione ambientalista che ha monitorato 22 condomini in 12 regioni e coinvolto 36 famiglie.

Dalle ispezioni termografiche esterne, è emerso che tutti gli edifici monitorati presentano un comportamento termico complessivamente non efficiente. Le superfici verticali e orizzontali sono caratterizzate da debole tenuta termica, così come infissi e serramenti. L’eterogenea distribuzione delle temperature superficiali è dovuta a: mancanza di adeguato isolamento; ponti termici non chiusi, dispersioni presso i punti di connessione tra elementi portanti (travi e pilastri) e le superfici di tamponamento, ecc.

fonte edilportale.com

A Perugia la microimpresa cuore pulsante dell’Italia e dell’Europa

La relazione del dott. Grimaldi, durante la quinta assemblea nazionale della Cepi, ha messo in luce la necessità di cambiare rotta ed evitare guasti irreparabili, sia alla salute del pianeta che del genere umano.

Purtroppo i maggiori ricoveri pediatrici dovuti all’inquinamento e dalle modifiche climatiche sono ormai certificati. L’istituto superiore di sanità e il Cop, l’evento annuale che riunisce i paesi dell’Onu per monitorare i cambiamenti climatici, in corso in questi giorni in Polonia, avvertono che bisogna cambiare rotta nel risparmio energetico prestando la massima attenzione per le fonti rinnovabili.
In Italia, nonostante le difficoltà, ci sono aziende come Genea che possono essere di supporto per gli enti locali ed i privati ad implementare progetti sostenibili dal punto di vista ambientale e finanziario, con la massima attenzione per l’utilizzo di materiali riciclati e riciclabili in ottica di riutilizzo degli stessi.

Ecco dunque come la microimpresa “cuore pulsante dell’Italia e dell’Europa” può dare impulso a cambiamenti radicali all’interno del paese.

Il dott. Grimaldi è stato eletto nel direttivo nazionale di Cepi, durante il convegno lo hanno annunciato il presidente Cepi Rolando Marciano ed il neoeletto Vice presidente Claudio Pisapia Ci aspetta un periodo di durissimo lavoro ma siamo pronti e insieme ai nuovi componenti del direttivo gli altri due imprenditori salernitani Angelo Grimaldi, presidente del consorzio Genea, e Luciana Mandarino di AgroCepi Salerno”.

Genea a Perugia per la quinta Assemblea Nazionale Cepi

Genea Consorzio Stabile sarà a Perugia il 6-7 dicembre per la quinta Assemblea Nazionale della Confederazione Europea delle Piccole Imprese.

Il cambiamento nella rappresentanza delle imprese‘ sarà il tema al centro della discussione dell’assemblea del sindacato che si propone di rappresentare le piccole e medie imprese. Genea Consorzio Stabile sarà presente, infatti, in rappresentanza delle imprese in ambito energetico, facente parte sia di CEPI che della neonata federazione Nazionale dei costruttori Edili FEDERCEPICOSTRUZIONI, illustrerà le opportunità del mercato delle fonti rinnovabili.

Durante l’assemblea CEPI, il 7 dicembre, il dott. Angelo Grimaldi, responsabile di CEPI per le energie rinnovabili e vicepresidente nazionale di FEDERCEPICOSTRUZIONI, terrà un intervento nel quale darà impulso all’obbligo etico per il risparmio energetico dei cittadini. Inoltre, il rappresentante di Genea evidenzierà le diverse opportunità che l’efficientamento energetico potrà creare per le imprese e per i professionisti del settore in Italia.

Le microimprese sono il cuore pulsante del nostro Paese ed è quindi necessario fornire loro tutti gli strumenti e le risorse che l’Europa ci mette a disposizione per far partire il motore della nostra economia. Sono entità particolari ed hanno bisogno di specifici interventi.

Per maggiori informazioni visita il sito www.cepionline.it

Programma dell’Evento

Rimini: Ecomondo 2018 [Fotogallery]

L’azienda Genea Consorzio Stabile di Salerno, ormai rappresentante caposaldo di Federesco per l’area Italia Sud Ovest, ha partecipato a Ecomondo 2018 a Rimini, la grande fiera dedicata alla green e circular economy.

Quattro giorni dedicati a tanti temi, come quello del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile. Key Energy, in particolare, ha posto al centro dell’attenzione la nuova edizione di Città Sostenibile, padiglione tra i più innovativi, che ha abbracciato tutti i temi collegati al concetto di smart cities.

Ecco alcune immagini dell’evento:

Genea ad Ecomondo a Rimini

Genea Consorzio ti invita ad Ecomondo dal 6-9 Novembre 2018 nell’area Key Energy, l’evento dedicato a tecnologie e servizi per l’uso intelligente dell’energia in ambito industriale e residenziale.

Ti aspettiamo:

  • Dal 6 al 9 novembre presso lo stand Federesco – Padiglione 5 – Stand 043
  • Il 7 novembre dalle ore 9:30 alle 13:30 nella Sala Tulipano presso il Padiglione B6 per la conferenza “L’Efficienza Energetica nella Pubblica Amministrazione” durante la quale interverrà il dott. Angelo Grimaldi.

Scopri di più sull’evento e sulla nostra partecipazione.

Ecomondo 2018: Efficienza Energetica, la chiave per un futuro sostenibile

Genea Consorzio sarà ad Ecomondo dal 6-9 Novembre 2018 nell’area Key Energy, l’evento dedicato a tecnologie e servizi per l’uso intelligente dell’energia in ambito industriale e residenziale.

Key Efficiency è il focus di quest’anno, infatti la dodicesima edizione presenterà interessanti tematiche: dai grandi impianti di cogenerazione alle tecnologie più innovative per la riqualificazione energetica degli edifici, dal monitoraggio dei consumi ai nuovi prodotti finanziari per gli interventi di efficientamento.

Insieme all’offerta espositiva, Key Efficiency offre un calendario di appuntamenti qualificati tra cui il convegno L’Efficienza Energetica nella Pubblica Amministrazione che si terrà il  7 novembre dalle ore 9:30 alle 13:30 nella Sala Tulipano presso il Padiglione B6. 
A partire dalle ore 12:00, durante il Convegno interverrà il  dott. Angelo Grimaldi, presidente di Genea Consorzio, e rappresentante dell’area Italia Sud Ovest di Federesco e si occuperà degli “Iter    procedurali    per    attivare    investimenti    di    efficienza    energetica    nella    P.A”.

Ecomondo - Key Energy 2017Nel corso dei lavori saranno dapprima illustrate le politiche di sostegno, gli strumenti normativi e contrattuali e le nuove opportunità per promuovere gli interventi di efficienza energetica nella Pubblica Amministrazione. La seconda parte del convegno vedrà come protagonisti Federesco, ANCI (Associazione Nazionale Comuni italiani), ENEA ed il GSE che discuteranno di casi concreti/best practice ed alimenteranno la discussione per fornire strumenti di attuazione degli interventi di riqualificazione energetica negli edifici pubblici dei Comuni italiani.

I rapresentanti di Genea e Federesco parleranno di politiche di efficienza energetica insieme agli esponenti del sistema industriale, delle criticità sistemiche da superare e delle prospettive di evoluzione del mercato, ma anche di finanza, di efficienza e Pubbliche Amministrazioni, di certificati bianchi e tutti i temi più attuali legati al settore.

Vieni a trovarci presso lo stand Federesco (PAD 5 STAND 043) oppure durante il nostro convegno (scarica il programma).

Promozione dell’efficienza energetica nel terzo settore

Genea Consorzio Stabile, rappresentata dal presidente Angelo Grimaldi, è stata presente nell’ambito di una interessante due giorni di divulgazione per le pratiche di efficienza energetica promossa da FEDERESCO, la Federazione Nazionale delle Esco Italiane.

La riunione tecnica che si è tenuta ieri a Napoli presso la sede istituzionale di Intesa SANPAOLO, ha messo insieme operatori del settore  no profit e gestori di banca Prossima, che è parte  dello stesso grande gruppo bancario, ma  dedicata alla gestione e finanziamento del settore del no profit.

Angelo Grimaldi ha coadiuvato il dott. Marco Fragomeno e il dott. Massimo Ceruti nella presentazione dell’importante convenzione che è già attiva tra la federazione delle Esco e Banca Prossima per agevolare le ONLUS all’accesso al credito agevolato . Oggi saranno presenti ad Altamura in provincia di Bari per la medesima iniziativa.

Iniziativa a Scala (SA) “Puliamo il Mondo”, Genea affianca le istituzioni

Legambiente Campania, il Comune di Scala, l’Istituto comprensivo Ravello-Scala e Genea Consorzio Stabile, uniti in “Puliamo il Mondo” in Costiera Amalfitana.

Si terrà il 15 ottobre a Scala, nel territorio della Costiera Amalfitana, la manifestazione di volontariato ambientale organizzata sul nostro territorio congiuntamente dalle Istituzioni con l’apporto di Genea Consorzio Stabile, azienda da sempre impegnata nel campo delle energie rinnovabili e della tutela del territorio che ha donato il Kit di “Puliamo il mondo” al Comune di Scala.

Il Sindaco Luigi Mansi e l’Assessore all’ambiente Ivana Bottone hanno voluto condividere con gli alunni della scuola primaria e il dirigente dell’Istituto comprensivo Ravello-Scala. L’evento si terrà a partire dalle ore 10.30 presso il Centro Sportivo “A.Mansi”.

Alla manifestazione prenderà parte anche il Presidente di Legambiente Campania Mariateresa Imparato, che si è detta felice dell’adesione sempre più numerosa dei piccoli comuni alle iniziative di Legambiente sul territorio.

Il Presidente di Genea Consorzio Stabile, Angelo Grimaldi, si conferma pronto ad essere al fianco delle Istituzioni che desiderano sensibilizzare le buone pratiche di tutela del territorio, mirate soprattutto all’abbattimento di emissioni climalteranti in atmosfera.

 

Legambiente promuove l’installazione di colonnine per la ricarica delle auto elettriche

Anche Genea Consorzio è favorevole all’incentivo dell’installazione di colonnine di ricarica in edifici e locali esistenti con una detrazione del 50% come nel caso delle ristrutturazioni edilizie, come promosso da Legambiente.

Secondo l’associazione ambientalista, l’attuazione di quest’incentivo nella Manovra 2019 premierebbe la mobilità virtuosa e risponderebbe al principio “chi inquina paga” del punto 27 del “Contratto di Governo del cambiamento”.

L’incentivo proposto da Legambiente dovrebbe avere un funzionamento simile a quello previsto per le ristrutturazioni edilizie: i privati che decidono di installare delle colonnine elettriche nei propri condomini o nei locali e nei garage di loro proprietà potranno beneficiare detrazione del 50% delle spese da recuperare in 10 anni.

Colonnine di ricarica ed efficienza energetica: le norme in vigore

La proposta di Legambiente potrebbe tramutarsi in pratica in quanto la direttiva 2018/844/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia (che tratta il tema delle colonnine di ricarica per le auto elettriche) prevede che gli Stati membri adottino misure volte a semplificare le procedure amministrative e l’accesso agli incentivi per l’installazione dell’infrastruttura di ricarica.

In base alla nuova norma europea, le colonnine di ricarica dovranno essere installate in tutti gli edifici (sia residenziali sia a destinazione diversa) di nuova costruzione e in quelli sottoposti a ristrutturazioni rilevanti.

L’obbligo non sussiste, però, per gli edifici esistenti e per i permessi di costruire presentati entro il 10 marzo 2021, se si rischia di compromettere la stabilità della rete locale o se il costo delle installazioni di ricarica e di canalizzazione superi il 7 % del costo totale della ristrutturazione importante dell’edificio.

In Italia dal 1° gennaio 2018 il titolo abilitativo per i nuovi edifici è vincolato alla predisposizione di infrastrutture elettriche per la ricarica dei veicoli.

Colonnine per la ricarica elettrica: un mercato in espansione

A That’s Mobility, evento dedicato alla e-mobility, è stato presentato l’E-Mobility Report 2018 in cui si evidenzia come “nell’ultimo anno il settore ha registrato una crescita significativa sia dal punto di vista dei volumi di vendite di auto elettriche sia da quello infrastrutturale”.

Secondo il rapporto, in Italia si possono stimare a fine 2017 circa 2.750 punti di ricarica pubblici a norma (+750 sul 2016), dei quali il 16% (443) high power, distribuiti in circa 1.300 colonnine.

Nonostante la crescita registrata nell’ultimo anno, l’attuale infrastruttura di ricarica non è diffusa in modo omogeneo sul territorio italiano, con un divario evidente fra il Sud e le altre aree del Paese e con differenze notevoli anche fra regione e regione: circa il 10% dei punti di ricarica complessivi sono localizzati per quasi due terzi al Nord (63%), poco più di un quarto al Centro (28%) e meno di un decimo al Sud e Isole (9%). La maggior parte delle installazioni è localizzata nei contesti urbani (50%) e nei punti di interesse (45%), mentre fuori dalle città ce ne sono ancora poche (5%), anche se la minore diffusione è compensata dalla maggiore velocità di ricarica.

Secondo eV-Now!, Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilita’ Elettrica, il condominio del futuro è quello che unisce la generazione elettrica all’autoconsumo condominiale, con un allacciamento dedicato alla ricarica dei veicoli elettrici connesso agli impianti rinnovabili installati in condominio (fotovoltaico, eolico, biomassa).

(fonte edilportale.it)